HOME

STORIA CARTA METEO NOTIZIE SCRIVICI

 

Proverbi e modi di dire

  Mia nonna per tenere buoni noi nipotini, cantava queste filastrocche.

Quando invece doveva commentare una nostra marachella soleva ripetere questi motti...

mandatemi le vostre e le aggiuger a queste gi pubblicate

ultimo aggiornamento 23/07/2004

Caro Sergio come stai?
Mi rispondi "bene e tu?"
Io ti chiedo come mai
nel siterello non c' "YU!"
 
"YU!" nel nostro intercalare
un'espressione familiare
che si dice con stupore
e, soprattutto, con calore.
 
Dici "YU!" se sei contento
se c' il sole o fera il vento
se rivedo un vecchio amico
di sicuro io lo dico!
 
Dico "YU!" se all'improvviso
io m'illumino nel viso
perch mi son ricordata
che devo fare una masciata!
 
Dice "YU!" la mia nonnina
se mi trova, la mattina,
alle 12.00 a dormire
quando ora di mangiare!
 
Se qualcun non dice "YU!"
certo non di quaggi
e non conosce n Rosello
n il suo allegro siterello!
 
Tutto questo io ti dico
caro Sergio, vecchio amico,
anzi, ti dir di pi:
sul siterello aggiungi "YU!"
( Ancora Grazie Alla mitica Mariella!!!)

  5 e 55
5 e 55 lu gioche dell'anno bis
tu av ditt ca c' faciss
e po n'ci si volut fa
e m le spall s'ada mmull
e spalla e spalla santa
e chi ce joca e ci ce canta
ce canta la marina
e bonasera a z catarina
z catarina l'ha miss a cocere na pignet de fave cotte
e c e c e c e portam a la mess
portam a cicirifrisc
e loche ce sta le tidisc
le tidisc e le spagnuol
e portam a ferdinand
fatt mett la sottocanna
fattela mett bone bone
e i te men nu scupplone!
( Grazie Mariella.......)

Girotondo della frutta
Girotondo della frutta
dove si dice esserci tutta
quella bella frutta fina
l'albicocca e la susina
quella bella frutta fresca
uva spina e nespoletta
quella bella frutta sana
mela arancia e melagrana
e m mitt le noce tutte quante
tutte insieme sulla pianta
tutte insieme nel corbello
ce ne fossero mai tante da poterle regalare
da poterle dare a tutti
da poterle, che allegria,
buttar via!
( Ancora grazie mille Mariella)

Chi jale poche vale

Chill de lu Gisse z'avante sol'iss

Mazz e panelle fa sci le figlie belle

Pane frische Domene vobische

Carnevale che lu struscione Pasche che lu sulone

Nche la cacarella nen ce vo lu cule stritte

Lu Sichere buone quand' : curt nir e massicce

Ienne menenne melune cuglienn ( ripetere velocemente pi volte)

DIC DUC FAC FER mitte mane a le curtelle, se nen fusse pe FIO FIS t'accedesse a te e isse ( Maestro D'amato)

Il Parroco Don Peppe ( Giuseppe di Menna), soleva raccontare un aneddoto: in un convento il priore durante il pasto riempiva una brocca di vino e prima di bere diceva: " Fa Dio che io ti veda!!!" un frate, incuriosito, di nascosto fece la stessa cosa. Dopo aver bevuto, scopr che sul fondo della brocca vi era raffigurata un' Immagine del Padre Eterno............

Tante che ne chi e tainaninin

Le sagne fine a lu liett t'accumpagne

Ce steve na volt une che nen teneve cavute a lu cure, pigliette nu verdenacchie e se facette nu cavutacchie

Pete ptelle colore si bbelle, santa marije scarecar, pete picciun menit'a juc, figlie de rr figlie de rr tire stu pete che tocca a.....TE!

Ptille ptille ptoff! Chi l'ha fatte chesta loff? L'ha fatte lu cure pezzent c'ha mpuzzonite tutta la gente....

Cavalle e cavallitte, cavalle fusse ditte, cavalle di lu papa, quante corn' te la crapa? ( e noi in coro gridavamo DUEEEE) Due fusse ditte, cavalle e cavallitte, cavalle di lu papa quante corn' te la crapa? ( e noi ancora DUEEEEEEE)

Ndricce ndricce ndricce dame nu poch' de salcicce, se tu nen me la vu da... che te ze pozz' fracic!!

Lu male ve' a ccantare,  e se ne va' a onze a onze

Tripp' e ppanze, ogni pajiese n'usanze

Chi cagne pajiese cagne vinture, e chi cagn' aria cagne parere

Chi ggire lu monne va 'n gerche di furtune

Chi tt debbiti da d, chi prne sa da fij

Faccia tosct', e lu monn' nosctre

Chi dijun' e autre nen f a ccase di lu diavele se ne v

La htte di Fajienze gn li f ccusc le penze

Roscio di sera bbone tembe mne

Quande la hatte si passe la recchia, l'acqua-nebbia, o piov' a ssecchia

S'arinnuvila sopr'a la jielate, aspette l'acqua l'autre matinate

La nebbia de la sere, bbone tembe mne

Sereno di notte, nen vale tre pere cotte

Quand' nuvol' a la marine, pija lu sacch' e vv a lu muline

Quand' nuvol' a la mundagne, pija la zapp' e vv a huadagne

N call' e n ggele, a' rimascte mai 'n ciele

Sott' a la neve lu pane, sott' all'acqua la fame

 Luna a punende Luna criscende, Luna a llivande Luna mancande

Addezz' mezza bellezz'

Vocca vasciata nen perde ventura, ma s'arrinova come fa la luna

C' sput' 'n ciel' j 'rcasch 'n mocch'

L'amore n' vv le bbellezze; l'appetite n' vv la salze

Cummann' e fattl' t

Mitte lu cappll'a 'nu crapne, la fmmene ce se 'nnammre

Ogne ccas' tn' nu peng' rett'

L'men' la lape, e la fmmen' lu cupe

Pan' e mazzarll' fa la moij' e li fij' bell'

Trist'a cchi nen d' ninde, ma chi ttrist'a cchi nen d' niciune

Pizzichi e basc' nen fann' busc'

Pulitr' di piatte onr' d' coch'

Quand' ce st lu levnd' schiffet' li man' 'n cul' ch' tutt' li guand'

Moglie e ffche, stuzzicale ogni poche

Quella ch' j di pil' rusce ti mr' prim' hce la cunusce

Vign' e ort' mmen' mort'

Mjjo 'mbiccatu, che mmal'ammojjatu

A ddonna prena, niente si nha

 

LU MAZZEMARIELLO 

sempre da bambino, ma sinceramente anche da adolescente, nelle sere invernali,

tra una bufera di neve e l'altra, vicino alla stufa, oppure al bar di Carluccio,

ci si raccontavano storie di fantasmi, streghe e fatti misteriosi.

Sinceramente venovo rapito da quei racconti, a dirla tutta quando poi dovevo tornare a casa da solo,

correvo come un matto fino a che non vedevo il cancello di casa di mio nonno...

Tra vari racconti di apparizioni, incroci con fantasma, processioni di suore e frati evanescenti,

sogni premonitori e vi discorrendo( quando avr tempo le scriver tutte in questo sito),

c' ne una che mi faceva sempre sorridere, anche se i vari narratori di turno raccontavano quei fatti

con la massima seriet e spesso a bassa voce, come se non volessero che lu Mazzemariello

li sentisse e si prendesse la briga di fare loro qualche scherzetto birbone.

le varianti e gli episodi che lo vedevano protagonista erano molti ma, sostanzialmente,

erano tra loro tutti simili anche se ognuno ne riportava la cronaca con particolari marginali diversi,

diciamo una sorta di leggenda metropolitana.

I tratti slaienti che lo contraddistinguono sono: statura di circa 30/50 centimetri,

viso ungo e naso grosso, capelli lunghi, cappello di panno in testa tipo quello degli zampognari.

velocissimo, dispettoso ( usa fare trecce fittissime, tipo rasta, alle code e alle criniere dei muli e dei cavalli)

in varie zone i racconti lo collocano nel territorio di Rosello ma grosso modo

sempre nella zona dei pagliai, abballe pe la taverna.

Mi chiedo e Vi chiedo, avee anche voi racconti del genere? se si mandatemeli, parliamone.

mi riprometto di approfondire l'argomento anche se il tempo sempre poco e le cose da fare sempre troppe......

Fatemi sapere.

 

Sito ottimizzato per IE 4.X o sup. a 800X600 px o sup. Utenti connessi